IL BROWSER PIÚ ECOLOGICO E PIÚ VERDE. INTERNET EXPLORER 9 SUPERA TUTTI!

tutti i browser a confronto

I principali fattori per determinare la qualità e l’efficienza di un browser, sono normalmente la velocità, la semplicità di utilizzo, i plugin e le espansioni disponibili, la gestione della memoria. Da qualche tempo però, dalle maggiori case produttrici, viene preso in considerazione anche un nuovo valore e cioè il consumo energetico.

Sempre più tempo lo passiamo al computer e di questo tempo il 57% viene trascorso navigando in internet. Negli ultimi anni abbiamo avuto una trasformazione velocissima passando da contenuti statici a contenuti sempre più dinamici molto più simili ad applicazioni che a veri e prorpi siti. Alcuni test effettuati recentemente ci danno la possibilità di paragonare i risultati derivanti dall’utilizzo dei più utilizzati browser.

Internet Explorer 9 è il più “ecologico di tutti”! tutti i browser a confronto

Partendo dal caricamento di una pagina about:blank (per il consumo della GUI del browser), si è passati alla navigazione di alcuni siti di notizie più utilizzati in HTML4, per poi utilizzare pagine in HTML5 ed infine quei siti che più sforzo richiedono al nostro navigatore, e cioè quelli con contenuti multimediali, video in flash, banner pubblicitari. A quanto pare IE9 ci permette di risparmiare energia o di navigare di più se utilizziamo dispositivi portatili.
3 ore e 45 minuti è il tempo che garantisce il suo utilizzo contro le 3 ore e 35 del sempre più diffuso Firefox (ver.4).
I tempi scendono per le prestazioni dei pur gettonati Chrome 10 e Safari 5 che bruciano la nostra batteria rispettivamente dopo solo 2 ore e 56 e 2 ore e 55 minuti. Arranca in ultima posizione Opera 11 che dopo 2 ore e 42 spegne il nostro dispositivo.

E’ sicuramente una buona sensazione quella che ci trasmette l’ultima versione di Explorer se aggiungiamo anche il fatto che è migliorata di molto anche la facilità di navigazione, grazie alla riduzione dello spazio dedicata ai menù ed ai bottoni che rimangono incastonati in poche righe senza molestare troppo la vista dei contenuti. Il layout grafico insomma è molto più efficace e diretto. Le funzionalità sono state totalmente rivisitate dalla Microsoft anche perché spinta dalla sempre più incalzante concorrenza dei browser rivali. Ricordo infatti che nei primi giorni della presentazione sia di IE che di FF4, il secondo ha battuto il primo per numero di download effettuati dagli utenti.
Tornando al nostro navigatore della Microsoft, c’è da dire che è stato ridisegnato con un nuovo proprio motore che si chiama Chakra e non più in Javascript come per le vesioni precedenti. Questo permette di sfruttare al 100% le funzionalità di Windows 7, l’hardware sul quale viene installato di defoult rispetto al 10% deqli altri navigatori.

Non mi resta che invitavi a provarlo e se volete saperne di più e scaricarlo, date un’occhiata a www.labellezzadelweb.it

REALIZZARE LA PAGINA CONTATTI DI UN BLOG E IL CREATORE DI FORMS

E’ possibile personalizzare un form per inserirlo in un post o in una pagina del nostro WordPress?

Bhè direi proprio di si.
Anzi, in questo articolo non ci fermeremo solo a questo. Innanzitutto stiamo parlando di uno dei plugin più popolari di WP, Cforms II, multisettings per una maggiore personalizzazione ma semplice nel suo utilizzo. Diciamo che la scelta di Cforms ci è subito utile per combattere lo spam che può attaccare i nostri post come lo sporco attacca i vestiti bianchi.
Difatti, subito dopo l’installazione, che è facile come per tutti gli altri plugin, possiamo da subito dare il nome al primo dei nostri form così da poterlo utilizzare per un uso specifico. Facciamo l’esempio della classica pagina contatti del nostro sito.

logo delicious days

Alla sinistra del pannello di controllo WP abbiamo il pulsante che ci mostrerà tutte le funzioni di questo eccezionale elemento attraverso 4 sezioni.  Entriamo allora nel form settings e decidiamo di creare il nostro form attribuendogli un nome nella parte superiore della pagina. Da ora in avanti il form è già creato, dobbiamo semplicemente aggiungere i campi che ci servono o che riteniamo più opportuni chiedere agli utenti, in questo caso quelli per la pagina contatti.
Abbiamo la possibilità di inserire delle richieste o dei campi obbligatori ma, quello che forse è più utile per questa pagina è l’inserimento dell’antispam, il così detto captcha. Allora nel form name da noi creato, aggiungiamo un nuovo campo di tipo “captcha verification” ed il gioco è fatto. Supponiamo di aver finito il nostro personale form, come lo inseriamo?  Direttamente dall’editor nella pagina contatti che abbiamo o andiamo a creare, oltre ad altre informazioni di tipo testo o immagini (se ne volessimo aggiungere), potremmo inserire la form cliccando su un nuovo tasto che il plugin ci avrà caricato.
Facile vero? Un’osservazione però va fatta. E’ consigliabile aver preinstallato l’editor TinyMCE per avere una più totale compatibilità con Cforms.
in questo modo, dopo avere creato e personalizzato più Cforms nel nostro sito, ci sarà possibile scegliere direttamente dall’editor quale inserire nell’articolo o nella pagina che stiamo creando. Un’operazione molto utile se raccogliere dei dati utili degli utenti inserendo quindi dei campi obbligatori ad esempio per un sondaggio, una prenotazione in un’hostel ecc.

Le differenti opzioni che il creatore di form ci mette a disposizione per settare a nostro vantaggio, sono racchiuse in comode schede allargabili con funzione ajax. La seconda scheda della sezione global settings, Messages, Text and Button Label, contiene ad esempio le opzioni per cambiare i messaggi di ogni campo. E’ consigliabile tradurlo nella stessa lingua del sito per curare maggiormete questo aspetto ed avere una comunicazione più omogenea verso l’utente.
Altra sottoscheda che reputo molto utile, è la WP Comment Feature che ci permettrà di sostituire i campi di defoult di WordPress per i commenti in ogni post/pagina, con quelli da noi creati. Basterà abilitare i due settings per la disattivazione dei campi WP determinati e il secondo check per l’attivazione d’ellautorisponditore. Quest’ultima opzione lavora con i settings già preimpostati di WP o del plugin da noi scelto.Cforms II ce ne suggerisce addirittura tre per lo scopo: Comment Luv, Subscribe To Comment & WP Ajax Edit Comments! Un mondo di plugins!!!!

cforms II vers 12.1Sicuramente un lavoro ben fatto quello deggli sviluppatori di deliciousdays.com che le hanno pensate proprio tutte. Non dobbiamo dimenticarci che Cforms II si inserisce nel tuo layout in modo quasi invasivo ma, anche l’aspetto estetico è stato vagliato e migliorato con le recenti versioni. C’é infatti la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di styling e di provare quello più vicino al layout che stai utilizzando personalizzando ulteriormente i valori del file .css attraverso l’editor incorporato. Se questo non sembra avvastanza (e ti assicuro che c’è molto di più), c’è un link diretto al download di un pdf che guida di forma impeccabile l’individuazione dei vari div e elementi del css.
Penso che  ce ne sia per tutte le necessità e per tutti i gusti. Per concludere faccio una breve riflessione sulla guida che, anche questa incorporata direttamente nella sezione help del plugin,  ci rischiara  efficacemente tutti i dubbi che ci verranno durante il suo utilizzo. Per di più il forum è abbastanza aggiornato ed anche quello italiano merita una visita.

Alcuni suggerimenti:

  • Se dopo l’installazione il vostro sito dovesse segnalare un “Internal Server Error” date un’occhiata ai permessi della cartella Cforms II caricata nella directory plugin di WP,  attribuire a tutta la cartella ed a tutti i file e sottocartelle il permesso 755. Il problema dovrebbe risolversi in fretta.
  • Con Cforms II è possibile creare form per i contatti, iscrizione a newsletter, moduli prenotazione online e upload di file

Alcuni esempi
Se questo articolo ti ha convinto puoi scaricare Cforms II da qui

La giusta combinazione di colori per grafica e web design senza paura di sbagliare

palettes e patterns from colours lovers

palettes e patterns from colours loversA volte penso: basterebbe un’idea semplice….

La scelta dei colori giusti nella grafica e nel web design è l’idea che è alla base di questo progetto che vado a descrivervi. C’è un’intuizione a dir poco brillante, quella di riuscire ad avere a portata di mano (in questo caso a portata di mouse) le caratteristiche di tutti i colori, siano essi per il web o per la stampa. COLOURlovers è di più, è una community che raccoglie suggerimenti da ogni parte del mondo ed ovviamente condivide. Oltre alle caratteristiche cromatiche di ciascun colore troviamo un sacco di accostamenti (palette) tra essi fatti prorio dagli utenti ed anche commentati dagli stessi. Insomma create and share colors, all in the spirit of love.

Ma non è tutto!

In questo portale troviamo davvero un sacco di risorse utili e facili da navigare, scegliere ed utilizzare. Principalmente abbiamo la possibilità di scegliere che tipi di colori vogliamo sfogliare, voglio dire che da subito troviamo la libreria che più fa al caso nostro: colori per il web, colori per la stampa, quelli fashion, per il business, per la casa etc. Per poi trovare in ciascuna famiglia delle sottocategorie: palette, patterns, colori unici, quelli trend con degli esempi pratici, le discussioni con suggerimenti e commenti sui progetti degli utenti e sui colori ovviamente.

Un portale tutto incentrato sul colore e sulle sue applicazioni davvero a 360°. Insomma un comodo strumento gratuito che ci aiuta nella scelta dei colori offrendoci già degli accostamenti per temi. Se anche l’occhio vuole la sua parte su questo portale c’è nè abbastanza anche per i nostri software di editing grafici visto che possiamo tranquillamente fare il download dei patterns in diverse misure e il downolad delle palette nelle diverse opzioni più utilizzate: ai, svg, wpf, xaml, html, cs, xml, .aco per le librerie swatch di photoshop ed un utile .zip con tutte le opzioni.

Un portale davvero completo, ricco di spunti e utile per i nostri progetti!

Ma… credetemi, con il colore non si scherza, può essere invadente, eversivo, perturbante e può entrare nelle nostre vite sotto mentite spoglie.

Se siete arrivati a questo articolo perché siete degli appassionati del colore e volete sapere tutto di lui, allora consiglio di leggere lo splendido saggio di David Batchelor, artista e scrittore inglese, Chromophobia. Storia della paura del colore (2000) edito in Italia da Mondadori nel 2001.libro cromofobia di David batchelor Paura della corruzione e contaminazione attraverso il colore, almeno nella cultura occidentale secondo l’autore che analizza la storia ed i motivi della cromofobia affrontando esempi della letteratura del XIX secolo, dell’architettura, del cinema, la Pop art, il minimalismo. L’esplorazione continua in diversi temi, dalla “grande balena bianca” di Melville al “viaggio verso est” di Le Corbusier, agli esperimenti con la mescalina di Huxley, ai viaggi di Dorothy nel Regno di Oz; il tutto in connessione agli esperimenti di artisti contemporanei con i materiali e le vernici industriali.

dettaglio di una pagina di COLOURSloversUn campo vastissimo quello del colore che affascina e rapisce per l’utilizzo di tutti i giorni ma che a volte, come abbiamo visto può generare caos e insicurezze. Per fortuna che un’idea semplice come quella di COLOURlovers ci viene incontro offrendoci comode anteprime e permettendoci di raggiungere risultati eccellenti anche risparmiando tempo.